Select Languages:

Contatti

Potete contattarci a: postmaster@peterhouses.com




Torino

 

Breve Storia della Città

Torino, chiamata anche Città dei 4 fiumi (Po, Stura di Lanzo, Sangone e Dora Riparia) per la loro vicinanza ad essa, ha una storia molto antica. Nasce con il probabile nome ” Taurasia” nel III secolo aC, fondata dai Taurini, antica popolazione dell’Italia settentrionale, poi distrutta nel 218 aC  dal  condottiero Cartaginese Annibale, divenuta cittadella militare grazie a Giulio Cesare Nel 58 aC (Iulia Taurinorum) e una vera Colonia (fondata dall’imperatore Augusto) nel 28 aC (Julia Augusta Taurinorum). Nel periodo successivo all’Impero Romano passò prima sotto il dominio degli Ostrogoti e poi sotto quello dei Longobardi, diventando la capitale di un importante Ducato. Dopo l’epoca Longobarda Torino divenne capitale di un Feudo Carolingio (773 dC). Nel 940 dC fu fondata la Marca di Torino, che portò la Città sotto l’influenza della Signora Savoia. Nel 1280 dC, dopo essere stato un libero comune, Torino divenne prima una Contea e poi, nel 1563 dC, la capitale del Ducato di Savoia. Nel 1706 dC il Ducato di Savoia respinse, dopo 117 giorni, un potente assedio delle truppe Franco-Spagnole durante la guerra di successione Spagnola. Dal 1720 dC Torino divenne capitale simbolica del Regno di Sardegna, diventando la sua capitale effettiva nel 1847 dC, grazie alla fusione del Regno con il Ducato Savoia. Dal 1800 al 1814 dC Torino fu controllata da Napoleone. Dopo il tramonto di Napoleone, il Congresso di Vienna restituì il Piemonte ed il Regno di Sardegna alla famiglia Savoia. Con il Risorgimento ed i  moti  indipendenti, il Regno di Sardegna nel XIX secolo fu fondamentale per l’unificazione d’Italia, quando Torino divenne la prima capitale del Regno d’Italia (dal 1861 al 1865 dC).

La Città

Torino, Capoluogo del Piemonte, conta oggi circa 885.000 abitanti e si trova a 239 metri sul livello del mare, ai piedi delle Alpi, che maestosamente la guardano dalle loro vette. Torino già nel Medioevo (1280 dC) fu prima la Contea  e poi il Ducato dei Savoia, finché i Duchi  non ottennero il titolo di Re, con l’unione del Ducato al Regno di Sardegna. Successivamente divenne la capitale del neonato Regno d’Italia, dal 1861 al 1865. Oggi la Città conserva la magnificenza e l’eleganza della Dinastia Sabauda. Vie, palazzi, piazze, monumenti … tutto parla della grande nobiltà italiana che la costruì. È una Città colta, raffinata e discreta, attiva senza il tipico caos metropolitano. Passeggiando per le sue vie troverete musei, palazzi, grandi caffetterie, mercati, parchi,  ristoranti raffinati, gallerie d’arte contemporanea, studi di giovani artisti e bellissimi negozi.

Da vedere

. Mole Antonelliana con il Museo Nazionale del Cinema: si tratta di un imponente edificio ottocentesco, oggi alto 167,5 metri. È il simbolo della città di Torino. Inizialmente la Mole fu costruita, in muratura, come Tempio degli Israeliti e successivamente è stata scambiata dagli Ebrei con il Comune per un lotto di terreno dove fu edificata una Sinagoga. La Mole fu stata dedicata al Re d’Italia Vittorio Emanuele II°; la sua massiccia base muraria è dominata da una grande cupola con all’interno  un ascensore centrale che porta ad un tempietto colonnato soprastante da cui si può ammirare una vista a 360 gradi di tutta la Città . Sopra il tempietto si trova la Lanterna, un campanile di 50 metri che prima ospitava alla sommità una statua del Genio alato, simbolo di casa Savoia (poi collassato a causa di un fulmine), poi una stella a cinque punte, anch’essa crollata durante una forte tempesta insieme a gran parte della guglia, ed infine un’altra stella tridimensionale con 12 punte. Oggi la struttura della Mole è stata rinforzata con strutture in calcestruzzo e travi in ​​acciaio ed ospita il Museo Nazionale del Cinema, con pezzi di set cinematografici dei primi film italiani e stranieri ed oggetti cinematografici d’epoca.

 

. Palazzo Reale: Il Palazzo ha origini remote. Quando fu destinato a residenza Reale, fu riprogettato, tra la fine del settecento e l’inizio dellìottocento da Ascanio Vittozzi, e successivamente rimaneggaito diverse volte sino al diciannovesimo secolo. Il Palazzo, con i suoi sontuosi interni ed i suoi incantevoli giardini, è stato la residenza di alcuni eredi della Casa Savoia fino a fine Ottocento, quandoessi  si trasferirono a Palazzo Pitti a Firenze. Con il tramonto della Monarchia nel 1946, il Palazzo fu convertito in Museo. Oggi fa parte dei Musei Reali insieme alla Galleria Sabauda, al Museo Archeologico ed all’Armeria Reale.

 

. Museo Egizio: è considerato il migliore al Mondo dopo quello del Cairo; è uno dei più visitati in Italia. Agli inizi del 1800 molti collezionisti italiani hanno raccolto preziosi reperti provenienti dall’Egitto. Il Re Carlo Felice di Savoia ne acquistò la maggior parte per creare un museo a Torino e col passare del tempo furono aggiunti molti altri oggetti. Nel 2013 la rivista Times lo ha inserito tra i trenta migliori musei del Mondo. Nel 2015 è stato restaurato e la sua superficie è diventata ben 60.000 mq.

 

. Galleria Sabauda: la Galleria ospita oltre 700 capolavori di importanti pittori attivi nel periodo 1200-1900 d.C. raccolti dalla Casa Reale dei Savoia. Nel corso dei secoli ha avuto tre diverse dimore: il Palazzo Madama  prima, il Palazzo dell’Accademia delle Scienze poi, e oggi nella “nuova manica” del Palazzo Reale, ora collegato al Museo Reale dove si trovano anche l’Armeria Reale, il Museo Archeologico  e la Biblioteca Reale.

 

. Palazzo Madama: all’inizio fu una Porta Romana, poi Castello e simbolo del potere Sabaudo prima di trasferirsi a Palazzo Reale. Prese il nome di Palazzo Madama perché fu successivamente abitato da Madama Cristina di Borbone, moglie di Vittorio Amedeo I ° di Savoia. Oggi ospita un Museo civico di arte antica con importanti dipinti e sculture del passato insieme a fiere e mostre d’arte.

 

. Nella Città troverete poi molti altri luoghi importanti da vedere come: 1) Palazzo Carignano che ospita il Museo del Risorgimento; 2) Il Lingotto dove nacque la prima fabbrica FIAT ed ora simbolo dell’archeologia industriale italiana; 3) Il Palazzo di Venaria, importante Residenza Reale Sabauda; 4) La Galleria Sabauda; 5) La Basilica di Superga; e molte altre Chiese, Musei, Dimore Sabaude, Piazze e Monumenti.

 

 

 

 

Be Sociable, Share!