Select Languages:

Contatti

Potete contattarci a: postmaster@peterhouses.com




MANTOVA

Foto: Mantua !

 

 

Mappa della Città

Breve Storia della Città

I primi abitanti di Mantova furono probabilmente Umbri nel 2000 aC . Più tardi , nel 600 aC , gli Etruschi vi si stabilirono e rimasero fino 214 aC,  anno della conquista Romana della Città . A quel tempo, Mantova fu proclamata una ” Città libera ” grazie alla legge Giulie ( 90 aC ) . Le legioni romane vissero a Mantova fino alle invasioni barbariche . Il dominio barbarico durò per molti secoli e in Italia si alternarono molti popoli barbari : Visigoti, Unni , Vandali , Svevi , Goti, Sassoni e Longobardi . L’impero Bizantino combattè più volte contro di loro , anche assieme  al popolo Germanico dei Franchi . Mantova fu inizialmente conquistata dai Goti di Re Teodorico, poi dall’impero Bizantino , da Agilulfo , Re dei Longobardi e infine dai Franchi . Intorno all’anno 1000 dC Mantova divenne un Feudo imperiale sotto il controllo  di Tebaldo della potente famiglia di origine Longobarda dei Canossa.  Bonifacio III ° di Toscana , il più potente Signore Feudale  dopo l’ imperatore del Sacro Romano Impero , figlio di Tebaldo , ebbe , a sua volta  tre figli ( due maschi e una femmina ), entrambi Bonifacio III ° e i due figli morirono  precocemente , lasciando tutti i  vasti possedimenti in Toscana ed Emilia alla figlia Matilde di Canossa . Subito dopo la morte della potente Contessa , Mantova divenne un libero Comune con 5 quartieri, che a loro volta furono divisi in cinque contrade . In un primo momento , il Comune fu governato dal Vescovo , poi da un Podestà proveniente da un’altra Città e  infine dal Capitano del Popolo . Poco dopo le più potenti Famiglie cominciarono ad affermarsi sulla popolazione e dopo diversi scontri tra di loro , la  famiglia ghibellina dei Bonacolsi ascese nel 1237 dC e cominciò il periodo della Signoria Cittadina di Mantova . I Bonacolsi governarono fino al 1328 dC, quando furono spodestati dalla famiglia dei Corradi di Gonzaga , in seguito chiamati solo i Gonzaga ( Signori della piccola cittadina rurale di Gonzaga ) . La famiglia Gonzaga di Mantova governò fino al 1627 dC , con grande abilità , portando la Città a diventare un Ducato e una vera e propria ” Capitale ” dell’arte e della cultura del Rinascimento italiano . L’età d’oro del Comune arrivò circa tra il 1490 dC e il 1620 dC , sotto la guida di Francesco II ° Gonzaga e Isabella d’Este e poi del figlio Federico II ° Gonzaga e  di sua moglie Margherita Paleologo . Nel 1627 dC, i Gonzaga si estinsero , e il Ducato passò ad alcuni parenti francesi :  i Gonzaga – Nevers , che , nel corso di una crisi di liquidità , vendettero al Re d’Inghilterra una gran parte delle meravigliose collezioni d’arte accumulate dai loro predecessori . Successivamente , il rapporto con l’imperatore peggiorò e la città fu successivamente invasa dai Lanzichenecchi , che la devastarono portandovi la peste. La famiglia Gonzaga – Nevers fu dichiarata decaduta nel 1708 dC e il Ducato fu  consegnato al governo Austriaco che abolì molti conventi trasformandoli in caserme . La dominazione Austriaca cessò nel 1797 dC, quando Napoleone Bonaparte conquistò Mantova e l’annettè alla nascente Repubblica Cisalpina e al successivo Regno di Italia , di cui Napoleone fu proclamato Re. Gli scontri con gli Austriaci continuarono e nel 1815 dC  essi tornarono a governare la Città . Il movimento per l’indipendenza della popolazione italiana combattè tre guerre di indipendenza tra il 1848 dC e il 1866 dC , che portarono  il Comune a far parte della nuova formazione del Regno d’Italia , e , in una fase successiva , della Repubblica Italiana .

La Città

Descrivere Mantova agli altri non è certo facile … Mantova è molto piccola , quasi interamente circondata da tre laghi navigabili ( lago superiore , lago di mezzo e il lago inferiore) sulle cui rive i cittadini vanno a correre , mangiare e rilassarsi . Il fascino della Città è incredibile, soprattutto di notte , a dispetto delle sue piccole dimensioni . Il Centro Storico Medievale è ben conservato e passeggiare per le sue strade e piazze è molto rilassante e fa sentire il turista completamente immerso nel passato. Essendo stato un importante Centro Culturale e Artistico nel Rinascimento vi sono molte Chiese , Palazzi ed edifici bellissimi come il Palazzo Ducale , il Palazzo Te , la Basilica di S. Andrea e molti altri. Passeggiando per il centro storico troverete  numerosi ristoranti, bar e  gelaterie , dove potrete gustare le specialità di Mantova . Nei primi giorni di settembre … ogni anno , si tiene il  Festival internazionale della Letteratura  e  quei giorni sono una grande occasione per visitare la Città che si riempie di gente festosa . Mantova è certamente una delle più caratteristiche ed affascinanti Città italiane.

Eccovi i principali monumenti da visitare a Mantova:

1. Palazzo Ducale: il Palazzo Ducale di Mantova è un enorme, splendido edificio Medievale di grande importanza storica e artistica. Dalla fine del XIII secolo fino al XVIII secolo,  le potenti famiglie che hanno governato la Città, in successione, hanno vissuto al suo interno. Il Palazzo è circondato dal lago “Superiore”,  dal lago “Medio” e da Piazza Sordello. Nel Palazzo ci sono oltre cinquecento camere, oltre a un teatro, una Chiesa, diversi cortili e piazze, e quindici giardini. Dal Medioevo al Rinascimento moltissimi grandi artisti hanno vissuto nel Palazzo, come Rubens, Mantegna, Giulio Romano e tanti altri, i quali lo hanno  splendidamente decorato. L’edificio nel suo complesso è l’unione di diversi fabbricati costruiti in epoche diverse dai Signori della Città. La parte più antica che si affaccia su Piazza Sordello consiste sia del Palazzo del Capitano del XIV secolo che della Magna Domus, costruiti entrambi da Guido Bonacolsi. Dal 1328 dC in poi, con l’insediamento della famiglia Gonzaga, altri edifici sono stati aggiunti, come il Palazzo, il Castello di San Giorgio (dove all’interno della Torre di nord-est si trova la famosa Camera degli Sposi affrescata da Andrea Mantegna), la Domus Nova (tre edifici costruiti di fronte al lago), la Corte Nuova (con gli appartamenti di Troia e di Corte Nuova, il rustico e il Palazzo della Paleologa), l’appartamento Verde, il grande appartamento di Castello, la Basilica Palatina di Santa Barbara, l’appartamento Ducale e l’appartamento di Guastalla. Nel XVIII secolo gli Austriaci ristrutturarono il palazzo, che è stato poi trascurato per molti anni fino agli inizi del ‘900, quando il Governo italiano lo ristrutturò ed arredò nuovamente. Oggi, il Palazzo Ducale è un Museo visitato dai turisti.

2. Chiesa di Sant’Andrea: La  magnifica Chiesa di Sant’Andrea fu costruita in Piazza Mantegna , nel 1472 dC da Ludovico II Gonzaga , sui resti di due Chiese preesistenti , per accogliere in modo adeguato i vasi contenenti probabilmente uno delle più sacre reliquie tra tutte : il Sangue di Gesù , nascosto qui , nelle cripte , da San Longino , il soldato romano che lo portò a Mantova . La pianta della Chiesa fu assegnato al grande architetto Leon Battista Alberti . La forma è quella di una croce latina , con una sola navata , ai cui lati alcune Cappelle più grandi , con  forma quadrata e soffitto a volta , e alcune più piccole, con il tetto a cupola , sono ubicate. Le dimensioni della Chiesa sono abbastanza impressionanti : 103 metri di lunghezza , 19 metri di larghezza e 28 metri di altezza , che diventano 80 metri al centro della Cupola . La costruzione durò oltre 300 anni . Il grande Campanile di mattoni ha una base quadrata , un corpo ottagonale e una cuspide conica . L’interno della chiesa è splendidamente decorato e dipinto ovunque : ogni colonna , parete e  cupola . Nella prima Cappella a sinistra si trova la tomba del celeberrimo pittore Andrea Mantegna .

3. La Rotonda di San Lorenzo: la Rotonda di San Lorenzo (una chiesa a lui dedicata, dove si trova un dipinto del martirio), fu costruita (sembra) nel 1083 dC, ed è la più antica chiesa di Mantova. Situato in Piazza delle Erbe, il suo ingresso è di circa un metro e mezzo sotto il livello della strada e la sua forma in pianta è circolare. La Chiesa è molto semplice e affascinante allo stesso tempo. L’esterno è caratterizzato da sottili pilastri collegati al archetti pensili, l’interno, dove ci sono due cerchi di colonne (uno al piano terra, che sostiene le volte e l’altro al piano superiore) è nuda e ruvida, ma, allo stesso tempo, estremamente spirituale, leggermente arricchito con alcune tracce di affreschi di epoca bizantina, probabilmente risalente al 900 dC.

4.  Palazzo Te :  la costruzione di Palazzo Te iniziònel 1525 dC e durò dieci anni. Federico II ° Gonzaga ingaggiò il celebre architetto Giulio Romano , che progettò il Palazzo dedicato allo svago e vacanza della Corte dei Gonzaga .Inizialmente l’edificio era posto su di un’isola nel lago Paiolo , lago  che fu poi interrato nel 1700 dC . L’imponente edificio circonda un ampio cortile quadrato ( cortile d’onore ) e , attraverso alcuni bellissimi portici , collega il grande appartamento del Duca con gli appartamenti posti sul retro , destinati ad accogliere gli ospiti illustri . All’interno degli appartamenti ci sono grandi stanze, con splendidi affreschi raffiguranti scene mitologiche e militari . Tra le più famose ci sono: la sala dei Giganti , la sala dei Cavalli , la sala delle Aquile , la sala delle Medaglie , la camera di Psiche , la sala di Cesare e le sale degli Stucchi . Dal cortile principale un porticato conduce ad un ampio giardino posteriore, dove si trova un piccolo appartamento chiamato appartamento della Grotta , con una serie di stanze affrescate utilizzate, a quei tempi,  come servizi igienici .

5. Teatro Scientifico Bibiena: il Teatro, costruito nel 1767 dC da Accademia del Timido, è considerato da molti uno dei più bei teatri d’Italia. L’architetto Antonio Galli Bibiena progettato per ospitare convegni scientifici, concerti, e recitare.
La facciata esterna è stata invece progettata dall’architetto Piermarini. La struttura non è fatta di passi come di consueto in quel momento, ma ha la forma di una “campanacon differenti ordini di palchi, affrescata al loro interno, di legno. La sua forma unica e le sue strutture particolari ne fanno un gioiello architettonico. Oggi, il teatro viene utilizzato per ospitare importanti convegni e concerti.

6. Il Duomo di Mantova: il Duomo di Mantova è una Chiesa molto importante, in stile romanico, dedicata a San Pietro, costruita e ristrutturata più volte sin dalla sua prima costruzione, risalente ai tempi dell’imperatore romano Costantino. L’ultima ricostruzione fu commissionata al celebre architetto Giulio Romano, che costruì il Duomo con 7 navate interne, con cappelle esterne e quattro file di colonne di marmo che delimitano le navate centrali. Accanto alla Chiesa, una campanile in mattoni si erge imponente.

Altri bellissimi Monumenti da visitare a Mantova sono:

1. La casa del famoso pittore Andrea Mantegna, situata in Via Acerbi, è un prestigioso edificio rinascimentale costruito nel 1476 dC.

2. Il Teatro Sociale, il più grande di Mantova, è stato costruito nel 1816 dC da un gruppo di cittadini ed è situato in Piazza Cavallotti.

3. Il Palazzo del Podestà, Palazzo medievale costruito nel 1227 dC come sede dell’amministrazione comunale, si trova in Piazza Broletto.

4. La Chiesa di San Francesco, un edificio costruito nel 1300, è situata in Piazza San Francesco.

Altre Chiese e Palazzi magnifici in aggiunta a quelli esposti qui, vi terranno compagnia mentre camminate  attraverso Mantova.

Be Sociable, Share!