Select Languages:

Contatti

Potete contattarci a: postmaster@peterhouses.com




Francesco Petrarca

Origini

Petrarca nacque ad Arezzo nel 1304 dC, i suoi genitori erano entrambi fiorentini: suo padre era il notaio Pietro di Parenzo di Garzo dell’Incisa (chiamato anche Petrarca) e sua madre era Eletta Cangiani. Nel 1302 dC, il sindaco di Firenze, Cante Gabrielli, Pietro condannato all’esilio, come guelfo bianco (lo stesso è successo anche a Dante Alighieri, buon amico di Pietro). La famiglia quindi si trasferisce prima in Toscana (Arezzo e Incisa), poi in Francia, a Carpentras (Avignone) per un posto di lavoro presso la corte papale.

Educazione

Petrarca ha iniziato i suoi studi a Montpellier, poi, nel 1320 dC, egli li inseguì a Bologna, con il fratello Gherardo la sua, nel campo del diritto.

Avignone

E’ tornato ad Avignone nel 1326 dC, quando suo padre morì, e qui, nel Claire santa Chiesa, ha incontrato Laura, una donna sposata, con il quale ha disperatamente innamorato senza essere ricambiato. Laura era nella mente di Petrarca un po ‘come Beatrice era nella mente di Dante, una Musa reale, anche se i suoi riferimenti precisi non sono mai stato chiaro. Nel 1330 dC Francesco, essendo piuttosto al verde, ha deciso di inserire il Clero, (come anche suo fratello Gherardo fece in seguito), assunto dal cardinale Giovanni Colonna, di cui divenne cappellano della famiglia. La potente famiglia romana dei Colonna “adottato” Francesco, che gli consente una vita comoda e alla moda e vari viaggi in tutta Europa (Liegi, Parigi, Colonia, Lione, Aix, ecc …), dove ha entusiasmato il suo desiderio di conoscenza e di esperienza . Nonostante la sua scelta religiosa, non era casto, e da due diverse relazioni sono nati due figli, John è nato nel 1337 dC (purtroppo è morto giovane) e, successivamente, nel 1343 ADFrancesca è nato nel 1343 dC. Alcuni anni più tardi Petrarca li legittimava, aiutandoli economicamente. Nel 1336 AD Petrarca è andato per la prima volta a Roma e anche comprato una casa a Vaucluse (ora Valucluse), di trasferirsi qui da Avignone. Petrarca era un dilettante appassionato di letteratura classica, lo studio della grammatica e dei poeti. Mentre Petrarca studia abbracciato la causa del ritorno dei Papi a Roma. Nel 1337 dC, iniziò a scrivere “Africa”, un libro che lo ha reso molto popolare, tanto che ha ricevuto due inviti, uno da Roma e uno da Parigi, per l’incoronazione della Poesia. Petrarca ha scelto Roma, dove, nel 1341 dC, fu incoronato in Campidoglio come “Magnus et historicus Poeta” con Laureae Privilegium. In seguito si trasferisce a Parma e Selvapiana (Reggio Emilia), fino al 1342 dC, dove continuò a scrivere “Africa”.

Girando per molte Città

Negli anni successivi, dal 1343 dC al 1351 dC, Petrarca girato diverse città: Napoli, Parma, Verona, Vaucluse, Carpi, Ferrara, Padova, Manova, Firenze e Roma. In questo lungo pellegrinaggio, invitato da amici e uomini potenti, Petrarca scoperto libri importanti ed è diventato culturalmente più consapevole. Tornò, ma rimase per soli due anni in Provenza, poi entrò in collisione con l’ambiente clericale e culturale della città, e nel 1353 dC, accettato l’invito a stabilirsi a Milano di Giovanni Viscont, dove ha ricoperto vari incarichi diplomatici. Nel 1359 dC, ha lasciato Milano per la paura della peste e si rifugiò prima a Padova e poi a Venezia. Venezia ha dato Petrerca una casa in cambio di un impegno a donare il suo grande biblioteca privata al momento della sua morte. A Venezia, lo scrittore è stato aggredito da quattro filosofi che lo hanno indotto, nel 1370 dC, per tornare a Padova, dove il locale Francesco da Carrara Signore gli ha dato una piccola casa sui Colli Euganei, nel piccolo borgo di Arquà, dove Petrarca si stabilirono e dove fu raggiunto dalla figlia Francesca con il marito.

Trasferimento a Arquà e morte di Petrarca

Si sentiva a suo agio lì, quindi ha rifiutato la nomina potenziale segretario della sede papale ad Avignone. Morì nel 1374 dC e ha voluto essere sepolto accanto alla Chiesa del villaggio di Arquà.

Opere

Francesco Petrarca ha scritto molti testi, alcuni dei quali in latino ( o in prosa o in versi), alcuni dei quali in vernacolo.

Opere in lingua latina in versi:

. Africa (1339-1342 dC): poema eroico sulla seconda guerra punica e le opere di Scipione.

. Bucolicum Carmen (1346-1357 dC): dodici egloghe argumens descrivono come politica, l’amore e la virtù morale.

. Epistolae Metricae (1333-1361 dC): 66 lettere, alcune autobiografiche, argomenti che descrivono come la politica, l’amore e la virtù morale

Opere in lingua latina in prosa:

. De viris illustribus (1337-1374 dC): raccolta di biografie degli uomini illustri, da Adamo a Ercole, con famosi personaggi antichi romani come Romolo. Questo lavoro è stato dedicato nel 1358 dC a Francesco da Carrara, signore di Padova.

. Rerum memorandarum Libri (1350-1374 dC): raccolta di aneddoti storici utili per l’apprendimento della virtù morale.

. Itinerarium ad sepulcrum Domini: una descrizione dei luoghi che una persona vede quando si viaggia tra Genova e Gerusalemme

. Secretum (1347-1353 dC): un dialogo intimo in merito a temi quali la pigrizia, le passioni terrene, l’amore per Laura e l’amore per la gloria, tra il poeta e Sant’Agostino, in presenza di una donna muta che ha simboleggia la Verità.

. De vita solitaria (1346-.1356 AD): saggio in cui le offerte Poeta con il concetto di solitudine, egli esalta la solitudine come una condizione favorevole dell’anima umana per pensare, scrivere, passare del tempo con gli amici e intellettuali.

. De Otio Religioso (1346-1356 dC): il Poeta glorifica la vita monastica, che, con la sua solitudine, è la vita migliore possibile, una persona può avere.

. De remediis utriusque Fortunae (1360-1366 dC): raccolta di brevi dialoghi tra alcuni caratteri diversi allegoriche come ” felicità ” e ” intelletto “. Ha poi scritto molti trattati sulla virtù morali, volti a insegnare e pepare il lettore i diversi casi della vita.

Opere in lingua volgare:

. Canzoniere (raccolta di poesie): l’opera più celebre del Petrarca, da lui scritto e corretto nove volte. Questa grande opera comprende 366 pezzi. Il Poeta mettere in esso solo i migliori suoi scritti, accuratamente selezionati. La maggior parte delle rime sono l’amore, i rimanenti sono circa virtù morali, la politica e la religione. Petrarca rende la letteratura diventa il centro di tutto. La letteratura diventa il maestro assoluto, la connessione tra il mondo classico dell’antica Roma, con i suoi poeti (Virgilio, Tito, Cicerone, Seneca, ecc …) e il mondo contemporaneo … evitando la cultura del Medioevo, che Petrarca non stima molto. L’immenso amore per Laura, la donna amata, è il tema principale di questo lavoro. Il poeta mette in evidenza la sua frustrazione tra l’ammirazione per i valori come l’amore e la gloria (tipico in autori classici) e la negazione di ogni passione terrena, come un buon modello morale della vita.

Be Sociable, Share!